La storia – Studenti e Professori di Medicina Uniti Per
17 maggio 2017

La storia

La “Festa di Medicina – Padova: Studenti e Professori di Medicina UNITI per…” è un evento di beneficenza nato nel 1999 dall’iniziativa di uno gruppo di studenti di Medicina, adiuvati da alcuni professori della Facoltà stessa. L’idea nasceva dal desiderio di creare in seno alla Facoltà un momento di divertimento e aggregazione e che fosse inoltre occasione di informazione e sensibilizzazione della comunità universitaria e cittadina verso un tema socio-sanitario. Infatti di anno in anno il ricavato della manifestazione è stato interamente devoluto a progetti inerenti al tema scelto e proposti da associazioni nate od operanti sul territorio del Veneto.

Le prime edizioni (fino al 2004) si sono tenute c/o gli impianti sportivi del CUS in via Corrado. Il volume di studenti e giovani che chiedevano di partecipare alla Festa si era però fatto insostenibile. Pertanto, l’edizione del 2005 si è svolta presso lo Stadio Plebiscito e si ricorda sia stata una delle più “affollate” con più di 6000 partecipanti. Dal Plebiscito si è poi passati per la Golena (2006), per Padova Fiere (2007-2009), al Gran Teatro Padova (2010) e, dal 2011, di nuovo a Padova Fiere, che si è rivelata essere la location migliore nonché la più apprezzata dal pubblico.

Le associazioni beneficiarie dei proventi della festa sono state:

1999: Citta della Speranza
2000: Per un Sorriso ONLUS
2001: Associazione Malattie Rare Mauro Baschirotto
2002: Padova Ospitale
2003: Padova Ospitale
2004: Salus Pueri
2005: Dipartimento di Pediatria
2006: Fondazione ONLUS Marina Minnaja
2007: UILDM (Unione Italiana per la Lotta alla Distrofia Muscolare)
2008: AIRC (Associazione Italiana per Ricerca sul Cancro)
2009: DACCAPO (Associazione Trauma Cranico)
2010: Life-Line e ADMO
2011: Onlus Puzzle
2012: CUAMM – Medici con l’Africa
2013: ENS – Ente Nazionale Sordi
2014: CEP – Cucine Economiche Popolari
2015: Fondazione Casa ai Colli
2016: Padova fa battere il cuore

In totale sono stati devoluti fin ora poco più di 260.00 euro.
Attesa da un anno all’altro dall’intera Padova Universitaria, la Festa di Medicina ha luogo a fine maggio e consta di due momenti essenziali.

  1. Partita di Calcio tra squadre miste di studenti e professori con intermezzo allietato dallo spettacolo delle ragazze pon-pon delle rispettive tifoserie. Questo momento è quello più intimo per la componente Studenti e Professori, occasione per abbandonare le piccole rivalità personali e rinfrancare l’orgoglio di appartenere all’illustre Schola Medica Patavina. Rappresenta inoltre il momento principe della promessa che tale Scuola fa alla società: operare per la cultura medica informando, sensibilizzando e soprattutto crescendo dei giovani medici preparati nella dottrina, ma anche consapevoli che si può e si deve migliorare con impegno, dedizione e coraggio. La Festa, con i suoi 260.000 euro raccolti e donati, è l’esempio più lampante di questo spirito.
  2. Festa conclusiva della raccolta di beneficenza, a cui sono invitati tutti colori che donano un’offerta minima di partecipazione. Le donazioni avvengono mediante i banchetti allestiti per tutto il mese di maggio presso il Policlinico Universitario e il Complesso Biologico Interdipartimentale A. Vallisneri, dove ogni anno migliaia di persone, per la gran parte studenti, si recano. La festa prevede musica dal vivo seguito da dj set, con buffet e free drink. La scelta del gruppo e del/dei DJ/s ormai da anni segue una filosofia ben precisa: dare un’opportunità a giovani emergenti di suonare la propria musica davanti ad un vasto pubblico.

Nasce con la Festa di Medicina anche l’idea di creare felpe, polo e t-shirt con il simbolo della Scuola Medica, che vengono anch’esse date in occasione dei banchetti a chi dona le offerte. Oltre a rappresentare un’ulteriore fonte di introito da destinare in beneficenza, il merchandising (le cui grafiche sono create di anno in anno dagli studenti di medicina stessi e si ispirano al tema dell’edizione) funge da catalizzatore dello spirito di appartenenza alla propria Scuola.
Si ricorda sempre con una punta di orgoglio, come lo stesso Ateneo di Padova abbia pensato e poi costruito il suo “UP-STORE” seguendo l’esempio di quello che era stato pensato e fatto per la Festa di Medicina.

La Festa di Medicina a Padova è essenzialmente questo: un’opportunità. Opportunità di sperimentare nuove idee. Opportunità di incontrare migliaia di persone, opportunità di parlare a loro e con loro. Opportunità di divertimento da cui nascono fondi per beneficenza. Opportunità di conoscere e farsi conoscere. Opportunità di prender parte a una gran bella storia.